L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

POMARANCE (PI) – Il francese Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep) conferma il suo splendido stato di forma e cinque giorni il successo alla Strade Bianche vince anche la seconda tappa della Tirreno-Adriatico con un nervoso arrivo sullo strappo di Pomarance. Il corridore transalpino ha preceduto il campione olimpico Greg Van Avermaet (CCC Team) e l’italiano Alberto Bettiol (EF Education First). Quarto il belga Tiesj Benoot (Lotto Soudal) e quinto il britannico Adam Yates (Mitchelton-Scott) che ha indossato la maglia azzurra di leader della classifica generale.

Primoz Roglic (Jumbo-Visma) è stato il primo ad accendere la miccia sulle colline che hanno accompagnato gli ultimi 10 chilometri della tappa. Con lo sloveno sono andati all’attacco anche Alexey Lutsenko (Astana), Simon Clarke (EF Education First), Tom Dumoulin (Team Sunweb) e Zdenek Stybar (Deceuninck-QuickStep).

Ripresi dal gruppo dei migliori, Roglic ci ha provato ancora nei chilometri finali, ma questa volta si è trovato immediatamente a ruota Alaphilippe. Il francese è rimasto sempre nelle posizioni di testa del ristretto gruppetto che si è venuto a formare al comando della corsa. Il primo a lanciare lo sprint è stato Van Avermaet, ma Alaphilippe ha atteso il momento giusto è ha superato con grande facilità il belga ed è andato a cogliere la quinta vittoria della stagione.

Protagonisti della prima fuga di giornata erano stati Markel Irizar (Trek-Segafredo), Stepan Kurianov (Gazprom-RusVelo), Natnael Berhane (Cofidis), Mirco Maestri (Bardiani-CSF) e Sebastian Schönberger (Neri Sottoli-Selle Italia) che hanno guadagnato fino 4 minuti sul gruppo e sono stati riassorbiti dal plotone a 13 chilometri dall’arrivo.

Il vincitore di tappa, Julian Alaphilippe, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Sono molto felice. Ieri non siamo andati benissimo e abbiamo perso tempo. Volevo provare a vincere una tappa in questa cora e oggi è stata una buona opportunità. Ho dato tutto per vincer, sono anche un po’ sorpreso di aver vinto. Domani proveremo a vincere ancora, questa volta con Elia Viviani”.

La Maglia Azzurra Adam Yates ha dichiarato: “Ieri abbiamo fatto un ottimo lavoro e oggi un finale in salita come questo mi ha favorito, anche se non è proprio il tipo di finale che si addice di più alle mie caratteristiche. Non so per quanto tempo resterò in Maglia Azzurra, ma faremo del nostro meglio per tenere la Maglia”.

LA TAPPA DI DOMANI
Tappa 3 – Pomarance  – Foligno 226 km
Tappa molto lunga e abbastanza ondulata nella prima parte. Si attraversa il senese con i GPM del Passo del Rospatoio e della Foce. Dopo Chiusi il percorso si addolcisce e lungo la piana del Trasimeno porta a Foligno attraverso strade prevalentemente rettilinee a volte con carreggiata ristretta.Ultimi km
Ultimi chilometri abbastanza semplici fino ai 2.500 m all’arrivo dove si affrontano in sequenza una serie di curve (con alcune restringimenti di carreggiata) che immettono nella strada di arrivo interrotta ai 500 m da una lieve semicurva. Linea di arrivo su rettilineo in asfalto di 160 m larga 7 m.

Adam Yates nuovo leader della Tirreno-Adriatico (foto LaPresse)

Adam Yates nuovo leader della Tirreno-Adriatico (foto LaPresse)

ORDINE D’ARRIVO:
Julian Alaphilippe FRA Deceuninck – Quick – Step 04:48:09

CLASSIFICA GENERALE:

10 Wout Poels NED Team Sky 00:47

(Servizio a cura di Giorgio Torre)

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)