L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

TREVIGLIO (BG) – Domenica 14 gennaio alle ore 15 nell’Aula Magna “Elia Comini” del Centro Salesiano Don Bosco in Via Zanovello, 1 a Treviglio (Bergamo), si svolgerà la cerimonia di consegna del Calice d’Oro 2017. L’ambito riconoscimento ciclistico è stato assegnato alla due volte campionessa europea e mondiale su pista Martina Fidanza, junior bergamasca della Eurotarget – Still Bike. Riceverà invece il “Calice” quale “Campione Ideale” l’ex professionista bergamasco Paolo Savoldelli, vincitore di due Giri d’Italia. 

La giuria di esperti riunuta lo scorso novembre dalla Ciclistica Trevigliese aveva votato la promettente atleta orobica, figlia minore dell’ex professionista Giovanni Fidanza, che nel 2017 aveva ottenuto risultati straordinari: campionessa del mondo su pista tra le Donne Junior nell’Inseguimento a squadre (con doppio abbassamento del record del mondo) e iridata anche nello Scratch, nelle medesime due specialità ha conquistato la medaglia d’oro anche ai Campionati Europei. Anche su strada sono arrivate vittorie e soddisfazioni come la medaglia d’argento al Campionato Italiano.

Il Calice d’Oro, secondo quanto scritto nello statuto, è attribuito al corridore che, oltre ad aver conseguito ottimi risultati, abbia saputo meglio di ogni altro, dimostrare particolari doti tecniche ed uno spiccato talento naturale, tali da giustificare l’appellativo di Promessa dell’Anno del Ciclismo Bergamasco. La giuria ha preso in considerazione tutti gli atleti di età compresa tra i 16 e i 18 anni e tesserati da società ciclistiche bergamasche, indipendentemente dal domicilio degli atleti stessi.

La società organizzatrice riproporrà anche il Premio “Gianni Casati” riservato ad una persona che lavora nel ciclismo dietro le quinte, ma con tanta passione. Quest’anno il riconoscimento è stato assegnato ad Alessandro Tarenghi detto “Cioto” da anni impegnato con i giovani della Sc Romanese.

(Servizio a cura di Giorgio Torre)

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)