L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

REGGIO EMILIA (RE) – I nove corridori del #GreenTeam che parteciperanno alla centesima edizione del Giro d’Italia sono stati scelti. Concluse le ultime e decisive prove al Tour of the Alps e Tour of Croatia, Bruno e Roberto Reverberi, insieme a Stefano Zanatta, hanno sciolto le ultime riserve.

Alla grande partenza di Alghero, prevista per il 5 maggio, la Bardiani-CSF sarà rappresentata da Vincenzo Albanese, Simone Andreetta, Enrico Barbin, Nicola Boem, Giulio Ciccone, Mirco Maestri, Stefano Pirazzi, Lorenzo Rota e Nicola Ruffoni. Quattro le riserve che, in caso di emergenza, potranno subentrare prima dell’inizio della corsa: Paolo Simion, Simone Velasco, Simone Sterbini ed Edoardo Zardini.

“Abbiamo le idee chiare riguardo a come interpretare il Giro d’Italia 100 e abbiamo grande fiducia che i ragazzi siano in grado di trasformare gli intenti in azioni, attacchi e, perchè no, successi” ha affermato il team manager Roberto Reverberi. “La selezione è il frutto di una lunga riflessione e di un’attenta osservazione. La priorità, nei nostri criteri, è stata data alla condizione atletica e ai segnali di crescita che i ragazzi hanno fornito nelle ultime due settimane”.

“Non è mai semplice operare delle scelte, l’intera squadra era in lizza per un posto, ma siamo convinti di ogni singolo nome. Sottolineare l’importanza che il Giro ha per noi è quasi superfluo, ma non basta per lasciare il segno. Serviranno impegno, dedizione, grinta e tavolta sofferenza. Sarà un mese di fuoco e non vediamo l’ora di iniziare la nostra sfida” ha aggiunto Reverberi.

Con un’età media di 24.5 anni, il #GreenTeam si candida per il titolo di squadra più giovane del Giro d’Italia 100. Due i debuttanti assoluti, Rota e Albanese che, con i suoi vent’anni (novembre 1996), punterà ad essere il corridore più giovane. Tre corridori con un’esperienza alle spalle, quella del 2016, ovvero Andreetta, Ciccone e Maestri, mentre due sono le edizioni disputate da Barbin, tre quelle di Ruffoni, quattro quelle di Boem (tutte concluse) e infine sette quelle di Pirazzi (dal 2010 e sempre portate a termine).

Tre i vincitori di tappa presenti: Ciccone a Sestola nel 2016, Boem a Forlì nel 2015 e Pirazzi a Vittorio Veneto nel 2014 . L’esperto fiuggino ha anche vinto, nel 2013, la maglia blu di miglior scalatore. La Bardiani-CSF, che dalla sua nascita, nel 2013, ha sempre disputato il Giro d’Italia, vanta un totale di sei successi nella Corsa Rosa: uno nel 2013 (Battaglin), tre nel 2014 (Canola, Battaglin, Pirazzi), uno nel 2015 (Boem) e uno nel 2016 (Ciccone).

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)