L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) – Basta un secondo a Greg Van Avermaet (BMC) per vincere l’edizione 2016 della Tirreno-Adriatico. Un secondo di differenza che è riuscito a difendere su Peter Sagan (Tinkoff). Terzo Bob Jungels (Trek-Segafredo) che ha scalzato Zdenek Stybar (Etixx – Quick-Step) al termine della cronometro.

Fabian Cancellara (Trek-Segafredo) in azione

Fabian Cancellara (Trek-Segafredo) in azione (foto Ansa/Peri-Zennaro)


Sul fronte della lotta per la vittoria di giornata, impressionante prestazione dello svizzero Fabian Cancellara (Trek-Segafredo) che con il tempo di 11’08”, alla media di 54,431 km/h, ha vinto la cronometro di 10 chilometri, valida quale settima e conclusiva tappa della Corsa dei Due Mari. Secondo il francese Johan Le Bon (FDJ) a 13″ e terzo Tony Martin (Etixx – Quick-Step) a 15″.
La giornata era cominciata con Greg Van Avermaet in testa alla classifica generale con un vantaggio di 7 secondi su Zdenek Stybar, vincitore della seconda tappa, 8 secondi su Peter Sagan e con il giovane lussemburghese Bob Jungels in quarta a 21 secondi. Erano questi i contendenti per la vittoria finale.
Greg Van Avermaet (BMC) con il tridente da re della Corsa dei Due Mari

Greg Van Avermaet (BMC) con il tridente da re della Corsa dei Due Mari (foto Photobicicailotto)


La pedana di partenza è posta in viale Tamerici (Riva sud) da dove si procede verso Porto d’Ascoli lungo il mare. Da Piazza Salvo d’Acquisto (cronometraggio intermedio – km 4,7) si prosegue ancora circa 750 m prima di risalire fino a San Benedetto del Tronto dove la corsa termina sul traguardo tradizionale di viale Buozzi. Gli ultimi 2,5 km sono praticamente rettilinei. Caratteristiche che hanno esaltato le grandi doti di Cancellara che per la quarta volta in carriera vince qui a San Benedetto del Tronto dopo i successi del 2011, 2012 e 2015.
Non c’è praticamente storia nella lotta per la vittoria di tappa con lo svizzero stratosferico e che ha annullato l’ottima prestazione del giovane francese Le Bon, campione del mondo tra gli Juniores nel 2008 ad Offida, a pochi chilometri da San Benedetto.
Peter Sagan (Tinkoff) in azione

Peter Sagan (Tinkoff) in azione (foto Ansa/Peri-Zennaro)


Le attenzioni si spostano nel finale tutte sulla lotta per la classifica. Sagan è protagonista di un’ottima prestazione e chiude con 11’32”. Van Avermaet, partito per ultimo, si spreme fino all’ultimo centimetro e per un solo secondo riesce a mantenere la maglia azzurra, a vincere la Tirreno e a lasciarsi alle spalle, ancora una volta, il campione del mondo.
Una Tirreno-Adriatico stravolta dalla cancellazione del tappone con arrivo in salita a Monte San Vicino, che però in queste ultime giornate non ha lesinato emozioni e che ci ha regalato una bellissima sfida tra corridori che sicuramente vedremo tra i principali protagonisti, già sabato prossimo alla Milano-Sanremo e poi alle Classiche del Nord.
Il vincitore della corsa Greg Van Avermaet (BMC), subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Un secondo non è molto ma mi è bastato per vincere. Non è stata la mia miglior cronometro oggi ma sono molto felice di aver difeso il vantaggio, anche se per solo un secondo. Non avrei mai pensato di vincere la Tirreno-Adriatico e ce l’ho fatta, quasi 40 anni dopo il mio compatriota Roger de Vlaeminck. È fantastico aver vinto questa corsa”.
Fabian Cancellara (Trek-Segafredo) festeggiato sul podio

Fabian Cancellara (Trek-Segafredo) festeggiato sul podio (foto Photobicicailotto)


Il vincitore della tappa Fabian Cancellara, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Sono partito subito a tutta sin dallo sparo come faccio di solito. Non ho provato molto questa mattina perchè volevo che il mio corpo fosse perfettamente pronto per dare il massimo oggi pomeriggio. Sarà sembrato tutto facile ma non lo è affatto, in particolare in riva al mare. Questa è la mia quarta vittoria a San Benedetto del Tronto ed anche la mia quarta vittoria dell’anno. Sono molto felice. Esco dalla Tirreno-Adriatico in forma migliore di quando sono partito”.
Il podio finale della Tirreno-Adriatico 2016

Il podio finale della Tirreno-Adriatico 2016 (foto Photobicicailotto)


CLASSIFICA CRONOMETRO:
1 Fabian Cancellara (Swi) Trek Segafredo 0:11:08
2 Johan Le Bon (Fra) FDJ.fr 0:00:13
3 Tony Martin (Ger) Etixx – Quick-Step 0:00:15
4 Alex Dowsett (GBr) Movistar Team
5 Tom Leezer (Ned) LottoNL Jumbo 0:00:16
6 Maciej Bodnar (Pol) Tinkoff-Saxo
7 Alexandre Geniez (Fra) FDJ.fr 0:00:17
8 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 0:00:19
9 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky 0:00:20
10 Damiano Caruso (Ita) BMC 0:00:22
CLASSIFICA GENERALE FINALE:
1 Greg Van Avermaet (Bel) BMC Racing Team 20:42:22
2 Peter Sagan (Svk) Tinkoff Team 0:00:01
3 Bob Jungels (Lux) Etixx – Quick-Step 0:00:23
4 Sebastien Reichenbach (Swi) FDJ 0:00:24
5 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
6 Vincenzo Nibali (Ita) Astana Pro Team 0:00:29
7 Zdenek Štybar (Cze) Etixx – Quick-Step 0:00:33
8 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Sky 0:00:39
9 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:00:45
10 Roman Kreuziger (Cze) Tinkoff Team 0:00:48
MAGLIE
Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da NamedSport – Greg Van Avermaet (BMC Racing Team)
Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Bora – Peter Sagan (Tinkoff)
Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da CSM – Cesare Benedetti (Bora – Argon 18)
Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia – Bob Jungels (Etixx – Quick Step)
Per altre informazioni visita il sito ufficiale della Tirreno-Adriatico.
(Servizio a cura di Giorgio Torre)

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)