L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

OME (BS) – Da diversi giorni si è diffusa la notizia che Pierino Gavazzi è ricoverato in ospedale per Coronavirus. Oggi sulla Gazzetta dello Sport ha dato qualche notizia in più sulle sue condizioni intervistando il figlio, pure lui ex professionista, Mattia Gavazzi.

Il sessantanovenne bresciano di Provaglio d’Iseo, vincitore in carriera di quasi cinquanta corse fra cui la Milano-Sanremo 1980, tre titoli italiani Elite e cinque tappe al Giro d’Italia, è ricoverato da una dozzina di giorni in terapia intensiva in una clinica ad Ome, nel bresciano.

“… Papà sta lottando, ne percepisco l’affanno nei pochi secondi in cui riesco a parlargli. Come fosse in salita a ruota di Francesco Moser, cercando di non staccarsi”, ha raccontato il figlio Mattia alla Gazzetta dello Sport.

Scherzi del destino: il ricovero è avvenuto lo scorso 16 marzo. Nello stesso giorno, 40 anni prima, Gavazzi raggiungeva l’apice della sua brillante carriera vincendo la Sanremo davanti a campioni del calibro di Beppe Saronni, Raas, Kelly, De Vlaeminck, Moser. Oggi è chiamato a vincere un’altra volata, quella più importante, quella per la vita.

Mattia Gavazzi ha aggiunto: “Stiamo vivendo momenti drammatici. Mercoledì sera alle 10 ha chiamato una dottoressa dicendoci che la situazione polmonare era nettamente peggiorata, che papà era steso a letto su un fianco, che faticava molto. Una situazione molto critica, non ci ha nascosto che avremmo dovuto prepararci anche al peggio. La mattina dopo abbiamo sentito papà, ha detto a mia madre di stare tranquilla, che gli mancava la famiglia, che vorrebbe rivederci, che presto torna. Non c’è dubbio che sia affaticato, però non ha dolori. Un nostro caro amico mi ha detto che non tutto è perduto. Sento poi che non ha perso la voglia di lottare. Questo è fondamentale, papà conosce la fatica e sa stringere i denti”.

Pierino Gavazzi nell’ultimo periodo si era ripreso dopo che gli era stato trovato un mieloma ed era stato sottoposto ad un doppio trapianto di cellule staminali. Aveva anche avuto un’emorragia e passato dodici giorni in terapia intensiva.

“La situazione è seria, ma papà sa come si vince l’ultima tappa, quella di Milano. Da corridore l’aveva fatto due volte”, ha concluso Mattia Gavazzi.

Chi è Pierino Gavazzi?

Piermattia Gavazzi, detto Pierino (Provaglio d’Iseo, 4 dicembre 1950), è un ex ciclista su strada e dirigente sportivo italiano. Professionista dal 1973 al 1992, ha vinto la Milano-Sanremo, la Parigi-Bruxelles, due Trofeo Laigueglia, cinque tappe al Giro d’Italia e tre Campionati italiani. È stato direttore sportivo della Amore & Vita-McDonald’s dal 2006 al 2009.

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)