L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

FIRENZE (FI) – Immobili nel tempo, silenziose testimoni di capolavori che non compaiono ma fanno parte della grande storia dell’arte fiorentina, la Battaglia di Anghiari, scomparsa dalle pareti quella di Leonardo, solo su cartone quella di Michelangelo, le pareti del salone dei Cinquecento, imponenti, ideate dal Vasari che poi le dipinse. Pareti solide pesanti, a testimoniare la grandezza delle famiglie nobiliari fiorentine. Pareti che accolsero reali e Papi, borghesi e condottieri, artisti e poeti.

Ed ora anche atleti. Poeti artisti delle due ruote. Gli occhi invisibili dei Medici, di Leonardo, Michelangelo, il Vasari, il Savonarola li hanno scrutati, osservati, applauditi con le memorie del tempo. Capolavori sui pedali i corridori del Team Hopplà Petroli Firenze che oggi nell’abbraccio caldo della capitale dell’arte hanno tolto i veli sulla stagione che tra pochi giorni prenderà il via. Ed esordiranno proprio con la Firenze Empoli, la classica d’apertura.

Lo splendido scenario del salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze

Lo splendido scenario del salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze (foto Scanferla)

Una salone dei Cinquecento carico di gente, amici, sostenitori, fan, sponsor, tecnici, vertici federali, dai provinciali ai nazionali. Tantissimi a sostenere il gruppo fiorentino fortemente voluto da Leonardo Gigli, Claudio Lastrucci, Sandro Pelatti assieme a tutto lo staff. A fare gli onori di casa nel salone buono della città, il salone della civitas, Federica Giuliani presidente della commissione cultura e sport del Comune di Firenze. A condurre la presentazione Gianluca Giardini coadiuvato da Tina Ruggeri e lo staff di ATCommunication. Sul palco delle presentazioni a portare il loro saluto si sono avvicendati sponsor, autorità, dirigenti e tecnici del team.

“Ringrazio tutta la squadra e in primis Vincenzo Albanese per la grande stagione dello scorso anno. Il ciclismo è passione, fatica sacrifici ma anche soddisfazioni. Sono state le soddisfazioni, così come sono tante le telefonate fatte per convincere i corridori a venire qui per dare seguito e portare avanti il progetto di questa grande squadra. Abbiamo quattro colonne portanti Montagnoli, Rosa, Landi e Fortunato; poi sugli altri elementi si è costruita l’ossatura della squadra, saranno sicuramente pedine importanti Sali, Monaco, Bevilacqua e Pacini. Possiamo essere la squadra da battere anche quest’anno, ci dobbiamo solo credere. Ringraziamo Omar Piscina, anima e motore del team come diesse, team manager, motivatore, preparatore e molto altro. Infine un ringraziamento speciale va a Stefano Feltrin che ci ha permesso di partire lo scorso anno” dice Claudio Lastrucci, patron Hopplà.

Feltrin, Pelatti e Lastrucci

Feltrin, Pelatti e Lastrucci (foto Scanferla)

“Grazie di cuore per tutto questo, la Regione ed io siamo tifosi dell’ Hopplà Petroli Firenze. Il ciclismo in Toscana è lo sport più importante, più popolare, più seguito e questa grande squadra, con i suoi giovani di talento ne è una testimonianza concreta che merita stima e ammirazione” dice Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale della Toscana.

“La voglia e le motivazioni per fare bene sono tante anche quest’anno. Nel 2016 abbiamo raccolto grandi risultati. Su 11 corridori ben 7 sono riusciti a vincere, l’augurio non può che essere quello di ripeterci ad altissimo livello. Non sarà facile ma sono certo che tutta la squadra darà il massimo per raggiungere l’obiettivo” dice Leonardo Gigli, presidente del Team Hopplà Petroli Firenze.

Leonardo Gigli, presidente del Team Hopplà Petroli Firenze

Leonardo Gigli, presidente del Team Hopplà Petroli Firenze (foto Scanferla)

“Questa è una bellissima società che ci ha regalato forti emozioni, siamo orgogliosi di voi. La Toscana che pedala è questa: grande passione, professionalità e grandi società coma la Hopplà Petroli Firenze appunto. Dico a questi ragazzi di crederci, siete in una grande squadra e in una grande regione…viva la Toscana, viva il ciclismo” dice Giacomo Bacci presidente comitato FCI Toscana.

“Sono legato affettivamente a questa società e ho collaborato alla nascita del progetto nel 2016. Lo scorso anno, insieme alla Tinkoff, la squadra è stata vivaio del team Pro Tour ed ora si è affermata come una realtà importante nel panorama italiano under23. Questi ragazzi sono il presente e il futuro del nostro ciclismo” dice l’Avv. Stefano Feltrin, membro UCI.

“Con Hopplà ho ritrovato un gruppo, una famiglia, nuovi stimoli per la Petroli Firenze per rientrare nel grande ciclismo. Uniti insieme nel progetto Hopplà Petroli Firenze siamo tornati ad essere un grande gruppo per un nuovo ciclismo” dice Sandro Pelatti patron Petroli Firenze, al quale è stata consegnata da Stefano Feltrin la maglia a pois dei gpm del Tour vinta dal polacco Rafal Majka che ha corso da dilettante proprio alla Petroli Firenze.

Tra gli altri in sala presenti anche gli ex prof Andrea Tafi, Roberto Poggiali e il neo prof Vincenzo Albanese. “Per me questa squadra è stata come una famiglia, mi ha aiutato a crescere, maturare e passare professionista. In questo inizio di stagione ho avuto qualche piccolo problema ma sto gia risolvendo e sono pronto, a breve finalmente ci sarà il mio esordio” dice il talentuoso campano ora in forza alla Bardiani-CSF.

“Siamo un squadra forte, compatta, con grandi motivazioni, completa su tutti i fronti e con validi elementi su cui puntare. Daremo il massimo con l’obiettivo di fare ancora grandi cose. Dico che possiamo essere la squadra da battere” dice il diesse Omar Piscina.

“Sono molto felice, per me dopo 10 anni di lavoro nella categoria junior ora questa è la grande occasione per fare bene anche nella categoria under23. Auspico di ricambiare al meglio la fiducia del team” dice il secondo diesse Andrea Bardelli.

E poi riflettori accesi sui corridori. perché sono loro i protagonisti sulle strade del mondo. Un gruppo in parte rifondato, con nuovi e prestigiosi innesti, dopo l’uscita di scena per il passaggio al professionismo di Vincenzo Albanese che ha regalato alla dirigenza del Team Hopplà Petroli Firenze immense soddisfazioni nell’annata appena conclusa. Ed eccoli sfilare, nel Salone dei Cinquecento del Palazzo Vecchio in Piazza della Signoria, i nostri capitani coraggiosi.

La squadra della Hopplà Petroli Firenze 2017 (foto Scanferla)

La squadra della Hopplà Petroli Firenze 2017 (foto Scanferla)

LA SQUADRA: Andrea Montagnoli, Lorenzo Fortunato, Marco Landi, Massimo Rosa, Nicholas Cianetti, Emanuele Onesti, Martino Tronconi, Gabriele Giannelli, Federico Burchio, Francesco Messieri, Ottavio Dotti, Mattia Bevilacqua, Edoardo Sali, Emanuele Pacini, Alessandro Monaco.

LO STAFF: Presidente Team Hopplà Petroli Firenze, Leonardo Gigli. Direttori sportivi: Omar Piscina e Andrea Bardelli. Meccanico: Laerte Nannini. Massaggiatore: Riccardo Sevieri. Medico: Prof. Giorgio Galanti.

Ed ora pronti, tutti in sella, da domani ancora in ritiro a Riotorto (LI), presso l’Hotel Residence Borgo degli Olivi,  e poi tutti in gara dal 25 febbraio, si inizia con la Firenze Empoli. Ma se tutto il team esordirà il 25 febbraio, intanto già da stasera Massimo Rosa si unirà alla nazionale italiana mista professionisti e under23. E domani correrà la sua prima esperienza tra i professionisti al Trofeo Laigueglia.

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)