L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

BUSSETO (PR) – Il mantovano Michael Bresciani (Zalf Euromobil Désirée Fior) ha vinto la 67esima edizione della Milano-Busseto, classica del calendario nazionale Elite e Under 23. Dopo tutta una giornata in fuga ha regolato la volata dei 24 corridori che sono stati protagonisti della corsa. Secondo il bresciano Mattia Frapporti (Unieuro Wilier Trevigiani) e terzo il ligure Oliviero Troia (Team Colpack).
Seconda vittoria della stagione per il 21enne di Medole che giusto sette giorni fa si era imposto sul traguardo di Sorgà.

Il podio della Milano-Busseto 2016

Il podio della Milano-Busseto 2016


Alla classica del calendario dilettantistico italiano ospitata dalla cittadina che ha dato i natali a Giuseppe Verdi e organizzata dal Pedale Bussetano del presidente Paolo Bossoni, partecipano 190 concorrenti i rappresentanza delle migliori formazioni italiane e al via c’è anche la Nazionale Britannica.
Primi chilometri tranquilli con il gruppo che resta compatto. Al primo Gpm di Vernasca scollina davanti a tutti il russo Aleksandr Vlasov (Viris Maserati) che si ripete anche al primo passaggio dal castello di Vigoleno dove i migliori sono ancora tutti insieme.
Le polveri si accendono alla seconda ascesa al Vigoleno quando al comando della corsa si forma un interessante drappello forte prima di 22 e poi di 24 unità. È ancora Vlasov a fare incetta di traguardi Gpm.

Il gruppo dei 24 al comando è formato da: Vlasov, Fedeli, Troia, Bresciani, Cullaigh, Billi, Zilio, De Marchi, Geniets, Pigeon, Castegnaro, Tecchio, Rudi, Frapporti, Guizzetti, Baccio, Montagnoli, Ballerini, Bottura, Pacinotti, Scaroni, Pellizzola, Raggio, Rekita.
Anche al termine della prima salita di Tabiano Castello scollina per primo Vlasov e i fuggitivi hanno un vantaggio superiore ai 2 minuti. Dietro è la Gran Bretagna ad organizzare l’inseguimento ed il gruppo inizia a guadagnare terreno. Sulla seconda salita di Tabiano però sono di nuovo i fuggitivi a guadagnare e questa volta transita davanti a tutti al Gpm Oliviero Troia.
Al km 110 i 24 al comando raggiungo il vantaggio massimo di 2’46” e a quel punto si capisce che la corsa è chiusa, saranno loro a giocarsi la vittoria. Il gruppo prova un ultimo e inutile tentativo di recupero riducendo il gap all’ultimo giro a soli 43 secondi. Davanti prova ad allungare Enrico Salvador della Unieuro Wilier Trevigiani, ma nulla di fatto. Così come inutile è anche il tentativo di Paolo Baccio (Mastromarco) all’ultimo chilometro. È volata. Troia esce per primo dall’ultima curva e prova ad anticipare tutti. Alle sue spalle una caduta rompe il gruppetto. Troia prova a scappare, ma è perentoria la rimonda di Michael Bresciani che vince lo sprint su Mattia Frapporti e terzo lo sconsolato Troia.
Michael Bresciani vince la Milano-Busseto 2016

Michael Bresciani vince la Milano-Busseto 2016


ORDINE D’ARRIVO: 
Iscritti: 204, Partiti: 190
1. Michael Bresciani (Zalf Euromobil Désirée Fior) km 144 in 3h33’10” media 40,532 km/h
2. Mattia Frapporti (Unieuro Wilier Trevigiani)
3. Oliviero Troia (Team Colpack)
4. Davide Ballerini (Hopplà Petroli Firenze)
5. Alessio Bottura (Hopplà Petroli Firenze)
6. Paolo Baccio (Mastromarco Fc Nibali Sensi)
7. Simone Guizzetti (Named Sport – Kemo)
8. Alessandro Fedeli (General Store Bottoli Zardini)
9. Aleksandr Vlasov (Viris Maserati Sisal Matchpoint)
10. Enrico Salvador (Unieuro Wilier Trevigiani)
(Servizio a cura di Giorgio Torre)

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)