CIUDAD BOLIVAR (COLOMBIA) – Il ciclista Jaime Alberto Restrepo Diosa, 25 anni, è stato ucciso lunedì pomeriggio mentre era in sella alla sua motocicletta nel quartiere di La Floresta, nell’area urbana di Ciudad Bolívar, un comune nel sud-ovest di Antioquia.

Lo riporta il sito Elcolombiano.com che racconta come secondo i testimoni, due uomini armati si sono avvicinati al giovane campione di ciclismo su un’altra moto e uno di loro gli ha sparato diversi colpi alla testa, uccidendolo sul colpo. L’agguato è avvenuto intorno alle 6:30 di sera, sulla strada d’ingresso di questa località, vicino all’ospedale La Merced e alla prigione municipale.

Le autorità stanno indagando sui motivi di questo omicidio. La Polizia ha fatto sapere che uno dei presunti responsabili dell’omicidio del ciclista è stato catturato e sarà portat davanti a un giudice per rispondere del reato di omicidio aggravato. L’altro sospetto è ricercato dalla Polizia.

754 amici si sono già iscritti al canale Telegram BICITV.
Per ricevere aggiornamenti in tempo reale sul mondo del ciclismo, unisciti a loro cliccando qui.

Restrepo Diosa è stato campione panamericano giovanile nell’inseguimento a squadre nel 2013 ad Aguascalientes, in Messico, e nel 2014 si è classificato nono ai campionati mondiali juniores di ciclismo su strada svoltisi a Ponferrada, in Spagna.

Dal 2015 ha corso gare di categoria U23 con il team Orgullo Paisa e dal 2019 ha corso a livello professionistico con il Team Novak, della Romania, partecipando in diverse competizioni europee in Serbia, Ungheria e Romania. Il suo risultato più importante è stato un secondo posto nella tappa di montagna del Giro di Serbia 2019.

Molto amico anche di Fernando Gaviria, in questo 2022 non ha partecipato a gare e per tre mesi era rimasto a Ciudad Bolivar, in attesa di essere chiamato a partecipare a nuove gare, ha dichiarato Jaime Guerrero, coordinatore dello sport di questo comune.