WATERLOO (STATI UNITI) – Trek-Segafredo ha siglato tre nuovi contratti, assicurandosi le prestazioni di un trio di giovani e ambiziosi corridori per i prossimi due anni.

Luca Guercilena, Direttore Generale Trek-Segafredo, ha detto: “Siamo lieti di dare il benvenuto nella famiglia Trek-Segafredo ad Amanuel, Antonio e Mattias. Dopo aver consolidato il Team con alcuni importanti rinnovi, abbiamo deciso di inserire tre nuovi corridori in grado di darci un valore aggiunto in prospettiva del futuro”.

Antonio Tiberi
L’anno scorso il Team ha annunciato che l’italiano Antonio Tiberi aveva firmato un contratto con Trek-Segafredo per il 2021 dopo aver vinto la cronometro del Campionato del Mondo Juniores ad Harrogate. L’intenzione di aspettare un anno in più prima di passare al WorldTour era quella di dare a Tiberi la possibilità di correre di più come Under 23 e di continuare il suo sviluppo con il Team Colpack Ballan, una squadra di ciclismo Continental italiana.

Nonostante la pandemia in corso, fortunatamente, dopo il periodo iniziale di blocco, in Italia c’è stata ancora una discreta quantità di corse. Il giovane italiano ha corso il Giro d’Italia U23 a settembre, una delle corse di riferimento per gli Under 23. Si è classificato terzo nella tappa d’apertura e si è piazzato al terzo posto assoluto nella classifica dei giovani per i corridori sotto i 20 anni. Nella stagione 2020 di Tiberi, il fiore all’occhiello è rappresentato dalla vittoria al Trofeo Città di San Vendemiano, dove ha vinto in solitaria, con 55 secondi di vantaggio sul gruppo che lo inseguiva. Ha concluso l’anno con un assaggio di quello che lo aspetterà l’anno prossimo, partecipando come stagiaire per la Trek-Segafredo alla Brabantse-Pijl.

Antonio Tiberi vince per distacco l'internazionale di San Vendemiano

Antonio Tiberi vince per distacco l’internazionale di San Vendemiano

Antonio Tiberi ha detto: “Ho dedicato la stagione 2020 a prepararmi per l’ultimo passaggio nel mondo professionisti e mi sento decisamente pronto. La prima gara dell’anno è stata il Trofeo Laigueglia, proprio per capire cosa mi aspettava. Passare dalle gare Junior ai professionisti è stato come uno schiaffo, doloroso ma estremamente utile. Da lì ho lavorato per crescere e migliorare, grazie anche ai consigli che mi ha dato il Team. Il debutto come stagista alla Brabantse Pijl è stato un’emozione enorme. I ragazzi mi hanno dato un caloroso benvenuto e ho sentito un’incredibile forza di gruppo. La gara è stata dura, quasi un secondo schiaffo perché correre una semi-classica in Belgio è un’esperienza estenuante. Il 2021 servirà a fare un ulteriore passo avanti nella mia crescita. Sono ambizioso, ma quest’anno ho capito che per raggiungere l’obiettivo che ho in mente devo tenere i piedi per terra e imparare. Sono felice di sapere che avrò buoni esempi a cui fare riferimento”.




Amanuel Ghebreigzabhier
Ghebreigzabhier si unisce alla Trek-Segafredo dopo tre stagioni da professionista, durante le quali ha partecipato a quattro Gran Tour, due volte al Giro e alla Vuelta. Il 26enne eritreo ha dato prova delle sue capacità come gregario per le gare di montagna e ha saputo cogliere le occasioni personali per andare in fuga e provare a vincere una tappa. Ghebreigzabhier ha avuto successo anche in Africa con vittorie nel Campionato continentale africano su strada (2018), nel Campionato Nazionale Eritreo su strada (2014), ed è l’attuale campione nazionale eritreo a cronometro.

Mattias Skjelmose Jensen
Trek-Segafredo continua il suo investimento nei giovani talenti firmando un contratto con Mattias Skjelmose Jensen, che si unisce al team dal programma di sviluppo Leopard Pro Cycling. Il ventenne danese ha avuto il suo primo assaggio delle corse da professionista quando quest’anno ha corso per la prima volta con Trek-Segafredo come stagista. Il ventenne danese si è messo in evidenza andando in fuga in una serie di gare di un giorno, tra cui il Trofeo Matteotti e Brabantse-Pijl.

Luca Guercilena ha concluso spiegando: “Il passaggio ufficiale al professionismo di Tiberi e Skjelmose Jensen è la conclusione di un processo di crescita iniziato insieme più di un anno fa. Abbiamo creduto nel loro talento, li abbiamo seguiti in questa stagione e siamo pronti a vederli sbocciare tra i professionisti. Troveranno un ambiente ideale per crescere senza sentire la pressione di dover dimostrare qualcosa. Correranno con corridori di successo dai quali potranno imparare e il nostro obiettivo per il 2021 è vederli crescere gara dopo gara”.