L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

CASTELFRANCO VENETO (TV) – Il Giro d’Italia Under 23 scatterà giovedì 13 giugno con il cronoprologo di Riccione: la corsa rosa, che nel 2018 ha visto grandi protagonisti i portacolori della Zalf Euromobil Désirée Fior, vedrà al via anche quest’anno un sestetto di alta qualità che difenderà la casacca bianco-rosso-verde.

Due vittorie di tappa e la maglia dei Gran Premi della Montagna, questo il bottino raccolto dai ragazzi diretti da Gianni Faresin e Luciano Rui nella passata edizione della corsa a tappe più importante del calendario italiano. Un bottino che la Zalf Euromobil Désirée Fior mira a ripetere, e possibilmente migliorare, nei prossimi 10 giorni di gara.

Al via del Giro d’Italia Under 23 la formazione dei patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior schiererà un sestetto di tutto rispetto, composto dal velocista Enrico Zanoncello, dagli scalatori Aldo Caiati Edoardo Francesco Faresin e dai cacciatori di tappe Gregorio Ferri, Andrea Pietrobon Riccardo Verza.

“Il Giro di quest’anno si preannuncia molto impegnativo: ci saranno ben quattro arrivi in quota a cui va aggiunta la frazione di Aprica con la doppia scalata al Mortirolo e l’imprevedibile tappa dello sterrato che ci porterà a Gaiole in Chianti” ha anticipato il ds Gianni Faresin“Per questo abbiamo costruito una formazione che possa difendersi in salita ma che abbia anche delle buone carte da giocarsi anche nelle tappe intermedie. La prima parte di stagione ci ha visti sempre protagonisti, contiamo di esserlo anche al Giro anche se siamo consapevoli che si tratta di una gara dall’elevato tasso tecnico per cui non sarà facile ripetere gli exploit dello scorso anno”.

Ottimista anche il team manager Luciano Rui“Rispetto allo scorso anno abbiamo a disposizione una rosa molto più matura: Caiati e Faresin già nel 2018 sono stati tra i migliori in salita. Quest’anno sono cresciuti ancora e, a parte il prologo, non ci saranno altre cronometro a penalizzarli. Zanoncello e Ferri, in caso di arrivo allo sprint sono due certezze così come Pietrobon e Verza che sono sempre tra i più generosi sin dai primi chilometri di gara. Inutile sottolineare che ci sarebbero stati anche altri atleti che compongono il nostro team che avrebbero meritato di essere al via del Giro d’Italia per quanto hanno fatto in questa prima parte di stagione e che avrebbero potuto essere utili alla squadra. Purtroppo, però, i posti a disposizione erano solo sei e abbiamo dovuto fare delle scelte”.

Queste le tappe del Giro d’Italia Under 23:
Prologo – giovedì 13 giugno – Riccione (RN) – Riccione (RN) – km 3,6
1^ tappa – venerdì 14 giugno – Riccione (RN) – Santa Sofia (FC) – km 143,2
2^ tappa – sabato 15 giugno – Bagno di Romagna (FC) – Pescia (PT) – km 174
3^ tappa – domenica 16 giugno – Sesto F.no (FI) – Gaiole in Chianti (SI) – km 145,5
4^ tappa – lunedì 17 giugno – Buonconvento (SI) – Monte Amitata (SI) – km 163,7
Giorno di riposo – martedì 18 giugno
5^ tappa – mercoledì 19 giugno – Sorbolo (PR) – Passo Maniva (BS) – km 155,2
6^ tappa – giovedì 20 giugno – Aprica (SO) – Aprica (SO) – km 94,8
7^ tappa – venerdì 21 giugno – Dimaro Folgarida (TN) – Levico T. (TN) – km 119,9
8^ tappa – sabato 22 giugno – Rosà (VI) – Falcade (BL) – km 134,2
9^ tappa – domenica 23 giugno – Agordo (BL) – Passo Fedaia (BL) – km 35,8

Questo il profilo dei sei atleti che saranno in gara al Giro d’Italia:

ALDO CAIATI
Classe 1998, nato a Brescia, risiede a Castegnato (Bs). E’ uno scalatore di razza, già due volte nella top ten del Giro d’Italia U23 sui traguardi di Pian delle Fugazze e Asiago. Lo scorso anno ha chiuso in ottava posizione il Giro del Friuli.
In questo 2019 ha già collezionato due terzi posti: il primo maggio a Terranuova Bracciolini (Ar) e il 25 maggio a Botticino (Bs)

EDOARDO FRANCESCO FARESIN
Classe 1998, nato a Vicenza, risiede a Mason Vicentino (Vi). Figlio d’arte dell’ex professionista e campione d’Italia Gianni Faresin, è uno scalatore che lo scorso anno ha conquistato la cronoscalata Bologna-San Luca e la maglia verde di leader dei GPM al Giro d’Italia Under 23.

GREGORIO FERRI 
Classe 1997, nato a Bologna, risiede a Crespellano di Valsamoggia (Bo), è un passista veloce che lo scorso anno ha conquistato un sesto posto al Giro d’Italia nella tappa con arrivo a Mornico al Serio (Bg).
In questo avvio di 2019 ha ottenuto tre successi: il 25 aprile a Nerviano (Mi), il 28 aprile a Reggello (Fi) e il 19 maggio a Sacile (Pn).

ANDREA PIETROBON
Classe 1999, nato a Pieve di Cadore (Bl), vive a Belluno: è un passista scalatore che si è fatto apprezzare nel 2018 per il terzo posto nell’internazionale Trofeo De Gasperi. Alla sua seconda stagione tra gli Under 23, è al debutto al Giro d’Italia Under 23.

RICCARDO VERZA
Classe 1997, padovano nato ad Este (Pd), risiede a Granze (Pd). E’ un passista scalatore di grande esperienza che è cresciuto gradualmente nella prima parte di stagione passando dal secondo posto di Osteria Grande (Bo), ottenuto il 12 maggio, al successo di domenica scorsa a San Ginese di Compito (Lu). Anche lui è alla prima partecipazione al Giro d’Italia Under 23

ENRICO ZANONCELLO
Classe 1997, nato a Isola della Scala (Vr), risiede a Vallese di Oppeano (Vr). E’ un velocista dallo scatto bruciante che dal mese di marzo ad oggi ha già centrato cinque vittorie: Mareno di Piave (Tv), Imperia, Terranuova Bracciolini (Ar), Busseto (Pr) e Cittadella (Pd). Anche per lui quello di Riccione sarà il debutto nella corsa rosa riservata agli Under 23.


MAGLIA RINNOVATA

Sarà una Zalf Euromobil Désirée Fior “special edition” quella che il prossimo 13 giugno salirà sulla pedana di partenza del prologo del Giro d’Italia Under 23 in programma a Riccione: merito dei designer di MsTina che hanno confezionato per l’occasione la nuova livrea che sarà indossata per la prima volta dai ragazzi dei patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior proprio in occasione della corsa rosa.

Una novità non solo estetica che propone anche l’utilizzo di nuovi materiali molto performanti e che andrà ad arricchire la storia della società bianco-rosso-verde riprendendone i motivi e i colori classici, senza rinunciare ad un tocco di eleganza; a svelarne alcuni dettagli in assoluta anteprima è stato Edoardo Francesco Faresin, il figlio d’arte che lo scorso anno si era aggiudicato la maglia verde dei GPM al Giro d’Italia Under 23 ha fatto da modello per gli scatti in anteprima della nuova casacca griffata Zalf Euromobil Désirée Fior.

Per ora, sono stati svelati solo alcuni tratti, per vederla in tutta la sua bellezza i tifosi del team trevigiano dovranno attendere ancora qualche giorno, fino a quando scatterà il cronometro dell’edizione 2019 del Giro d’Italia Under 23.

“I colori della Zalf Euromobil Désirée Fior sono un emblema fissato nella mente e nel cuore di tutti gli appassionati. Per questo la nostra maglia da quasi quarant’anni è rimasta pressochè immutata nelle proprie linee principali: anche in questa occasione abbiamo pensato ad alcune piccole modifiche per celebrare nel migliore dei modi la nostra partecipazione alla gara a tappe più attesa del 2019” ha spiegato il team manager Luciano Rui.

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)