L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

CAPANNORI (LU) – Sta per arrivare il Giro della Toscana Internazionale Femminile di ciclismo. La manifestazione, giunta alla sua 23a edizione, è stata presentata al Teatro “Artè” di Capannori (Lucca) di fronte ad una folta platea e alla presenza di sportivi, addetti ai lavori e amministratori.

La formula, vincente, è la solita: tre giorni di spettacolo (dal 7 al 9 settembre)… tre giorni di sfide per stabilire chi sarà la nuova Granduchessa di Toscana… chi riuscirà a scrivere il proprio nome in un Albo d’Oro a dir poco Mondiale, magari scalzando la campionessa sudafricana Ashleigh Moolman Pasio che, supportata da una squadra di altissimo livello (la Cervelò Bigla) cercherà un risultato storico: quello della prima atleta ad aggiudicarsi la manifestazione per tre volte di seguito.

E a proposito delle “regine” come non ricordare i successi di campionesse del calibro delle ex iridate Barbara Heeb (Svi) che vinse nel 1996, Edita Pucinskaite (Lit) nel 1999, Zina Stahurskaia (Bie) nel 2000, Susanne Ljungskog (Sve), prima tre volte 2002, 2003, 2005, Judith Arndt (Ger) graduchessa nel 2008 e 2010, Diana Ziliute (Lit) a lei il Toscana 2009; o come le nostre Imelda Chiappa, Valeria Cappellotto e Noemi Cantele, l’ultima italiana ad aggiudicarsi la manifestazione (nell’ormai lontano 2007).

Sarà un weekend lungo ricco di emozioni, iniziative e di grande ciclismo grazie alla presenza di ben 25 squadre (di queste 13 straniere e 12 italiane) e di oltre 175 atlete, un record. Le nazioni rappresentate saranno ben 30 con la novità della partecipazione di una rappresentativa messicana.

In totale le girine dovranno percorrere 257 km.

Le maglie ufficiali in palio saranno: quella rosa targata Angelo Impianti (riservata alla leader della classifica generale), la viola firmata Macota (per la classifica a punti), la azzurra Astana (per i traguardi volanti), la verde Mander (alla più brava in salita), la bianca Selle Smp (alla giovane più promettente) e quella a pois Polistirolo 2000 (per le straniere)…

Come premi speciali… su tutte la maglia gialla 3M Caverni “Michela Fanini” riservata alla vincitrice di tappa, quella Aido (euroricevitoria Catelli) alla più generosa e il tocco di eleganza firmato da Kenda Farben.

Ma c’è di più: ci sono gli straordinari trofei preparati a mano dai ragazzi del Gruppo Arti e Mestieri della Fondazione Maic Maria Assunta in Cielo; vere e proprie opere d’arte realizzate col cuore. La Fondazione Maic di Pistoia è una onlus che si occupa del recupero di persone con gravi disabilità sia psichiche che motorie.

Come sempre il Giro della Toscana è dedicato all’indimenticabile campionessa Michela Fanini (l’organizzazione è affidata alla società di papà Brunello).

LE TAPPE:

venerdì 07 sett. (prologo)

Cronometro Campi Bisenzio-Campi Bisenzio (Fi), di 2.2 km

sabato 08 sett. (1a tappa)

Segromigno Piano-Porcari-Segromigno Piano (Lu), di km 133.6

domenica 09 sett. (2a tappa)

Lucca-Capannori, di km 121.8

LE SQUADRE AL VIA:

Cervelò Bigla, Svi

Bizkaia Durango, Spa

Born To Win, Ita

Rappresentativa Veneto

Chirio Tre Colli, Ita

Eurotarget Bianchi, Ita

Team Stuttgart, Ger

Valcar, Ita

Servetto, Ita

Team Illuminate, Usa

Conade Specialized, Mex

Tkk Pacific Fitness, Pol

Top Girl Fassa Bortolo, Ita

Ale Cipollini, Ita

Astana Women’s Team, Ita

Conceria Zabri Fanini, Ita

Aromitalia Vaiano, Ita

Mat Atom Deweloper, Pol

Team Dukla Praha, Cze

Rappr. Baesi Baschi, Spa

Nazionale Austria

Nazionale Kazakhstan

Nazionale Ucraina

Nazionale Russia

Michela Fanini, Ita

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)