L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

GRAN SASSO D’ITALIA (TE) – La maglia rosa Simon Yates legittima il suo primato vincendo la nona tappa del Giro d’Italia con partenza di Pesco Sannita e arrivo a Campo Imperatore, sul Gran Sasso d’Italia, dopo 225 km. Il britannico della Mitchelton-Scott era nel gruppetto di cinque corridori che ha preso il comando nei chilometri finali e con un affondo deciso negli ultimi metri è riuscito ad avere la meglio dei suoi avversari.

Secondo il francese Thibaut Pinot (Groupama-FDJ). Il terzo posto del colombiano Esteban Chaves ha sancito ancora una volta il dominio della Mitchelton-Scott in testa alla classifica. Quarto Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida), il migliore degli italiani. L’olandese Tom Dumoulin (Sunweb) ha perso 12 secondi, giornata nera, invece, per Chris Froome (Team Sky) che perde 1’06” e Fabio Aru (UAE Team Emirates) 1’12”. Entrambi hanno perso le ruote dei migliori negli ultimi tre chilometri di salita, i più duri.

Altro grande protagonista della giornata è stato il bergamasco Fausto Masnada della Androni Sidermec che ha provato con bravura e coraggio a vincere la tappa. Ultimo superstite della fuga di giornata, nel finale se ne è andato tutto solo e dopo 222 km di fuga è stato ripreso dal gruppo dei migliori a poco meno di tre chilometri dall’arrivo. 

Masnada era andato all’attacco già nel primo chilometri di gara insieme a Mickael Cherel (AG2R La Mondiale), Davide Ballerini (Androni Sidermec), Manuele Boaro e Giovanni Visconti (Bahrain-Merida), Simone Andreetta (Bardiani CSF), Cesare Benedetti (Bora-Hansgrohe), Tim Wellens (Lotto FixAll), Natneal Berhane (Dimension Data), Hugh Carthy (EF Education First-Drapac), Maxim Belkov (Katusha-Alpecin), Gianluca Brambilla e Laurent Didier (Trek-Segafredo) e Alex Turrin (Wilier Triestina).

Il vincitore di tappa e Maglia Rosa Simon Yates, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Ora mi rendo conto di quanto sia grande vincere la mia prima tappa in Maglia Rosa. La dedico ai miei compagni che hanno corso davanti tutto il giorno. È davvero bello. Sin da stamane abbiamo creduto nella possibilità di farlo”.

 

ORDINE D’ARRIVO:

1 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 5:54:13
2 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ
3 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
4 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:00:04
5 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
6 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:00:10
7 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:00:12
8 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
9 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
10Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:00:2  4

CLASSIFICA GENERALE:

1 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 37:37:15
2 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 0:00:32
3 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:00:3 
4 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:00:45
5 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:00:57
6 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 0:01:20
7 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:01:33
8 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:02:05
9 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
10 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:02:25

MAGLIE:

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – Simon Yates (Mitchelton – Scott)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo – Elia Viviani (Quick-Step Floors)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Simon Yates (Mitchelton – Scott)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin – Richard Carapaz (Movistar Team)

DOPODOMANI – TAPPA 10 | martedì 15 maggio | 239 km | Penne – Gualdo Tadino

È la tappa più lunga del Giro. Attraversa l’Appennino da sud verso nord con un percorso tortuoso costellato prevalentemente di brevi salite pedalabili e con tre classificate GPM di cui la prima (lunga quasi 20 km) scollina un versante inedito del Gran Sasso. Nella prima parte le strade sono di carreggiata ristretta e con manto usurato, nella seconda si percorrono strade di dimensioni e condizioni normali. Finale pianeggiante. Ultimi km: ultimi chilometri prevalentemente rettilinei su ampia strada fino a 1500m dall’arrivo dove la corsa compie alcune curve ad angolo retto per portarsi a 750 m dall’arrivo nel rettilineo finale (leggermente curvo fino ai 500m) in asfalto di larghezza 7.5 m.

LINK UTILI:

(Servizio a cura di Giorgio Torre)

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)