L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

Il Giro d’Italia 2018 è in programma da venerdì 4 a domenica 27 maggio e organizzato da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport. La Corsa Rosa, giunta alla sua edizione numero 101, si preannuncia spettacolare con un percorso particolarmente impegnativo: tre settimane di passione, 21 tappe da affrontare, oltre 3.500 chilometri da pedalare. Un percorso variegato con grandi salite come Zoncolan e Colle delle Finestre, ma anche da due cronometro e da diverse frazioni a disposizione dei velocisti o degli attaccanti.

La novità più significativa è rappresentata dalla Grande Partenza da Gerusalemme, è la prima volta di un Grande Giro fuori dall’Europa, con tre tappe in Israele. Poi il ritorno in Italia con tre tappe in Sicilia che culmineranno con l’ascesa dell’Etna. La lenta risalita dello Stivale con i passaggi a Campo Imperatore e nelle Marche, fino alle Alpi: da Est a Ovest, dal Friuli alla Valle d’Aosta con Zoncolan, Pratonevoso, Jafferau, Colle delle Finestre, Cervinia che verosimilmente delineranno i valori in campo tra i favoriti per la vittoria finale. 

IL GIRO IN NUMERI:

3.562,9 km totali
169,7 km media per tappa
2 conometro individuali
7 tappe per velocisti
6 tappe di media difficoltà 
6 tappe di alta difficoltà 

LE TAPPE E IL PERCORSO:

Tappa Data Km Difficoltà Dislivello Partenza-Arrivo
4 maggio 9,7 km *** 200 Gerusalemme (Israele) (cron. individuale)
5 maggio 167 km * 800 Haifa – Tel Aviv
6 maggio 229 km * 1000 Be’er Sheva – Eilat
  7 maggio  Riposo con trasferimento
8 maggio  191 km *** 2500 Catania – Caltagirone
9 maggio  152 km *** 2000  Agrigento – Santa Ninfa
10 maggio  163 km **** 2800 Caltanissetta – Etna
11 maggio  159 km * 700 Pizzo Calabro- Praia al Mare
12 maggio 208 km *** 2600 Praia a Mare – Montevergine di Mercogliano
13 maggio  224 km *** 3900 Pesco Sannita – Campo Imperatore
  14 maggio  Riposo in Abruzzo
10ª 15 maggio  239 km *** 3000 Penne – Gualdo Tadino
11ª 16 maggio  156 km *** 2800 Assisi – Osimo
12ª 17 maggio  213 km ** 500 Osimo – Imola
13ª 18 maggio  180 km ** 500 Ferrara – Nervesa della Battaglia
14ª 19 maggio 181 km ***** 4300 San Vito al Tagliamento – Monte Zoncolan
15ª 20 maggio  176 km **** 4000 Tolmezzo – Sappada (Sorgenti del Piave)
  21 maggio  Riposo a Trento
16ª 22 maggio 34, 5 km  *** 200 Trento – Rovereto (cronometro individuale)
17ª 23 maggio  155 km  ** 1300 Riva Del Garda – Iseo
18ª 24 maggio 196 km  **** 2000 Abbiategrasso – Prato Nevoso
19ª 25 maggio  181 km  ***** 4500 Venaria Reale (Reggia) -Bardonecchia
20ª 26 maggio 214 km  ***** 4000 Susa – Cervinia
21ª 27 maggio  118 km  * 400 Roma – Roma
  Totale 3562,9 Totale 44.000

 

LE SQUADRE E I PRINCIPALI PROTAGONISTI

Ecco le 22 formazioni al via, composte da 8 corridori ciascuna, con i principali partenti.

UCI WORLDTEAMS – 18 (aventi diritto)

  • AG2R LA MONDIALE – Geniez, Montaguti
  • ASTANA PRO TEAM – Lopez, Sanchez
  • BAHRAIN – MERIDA – Pozzovivo, Visconti
  • BMC RACING TEAM – Dennis, Roche
  • BORA – HANSGROHE – Formolo, Sam Bennett
  • GROUPAMA – FDJ – Pinot, Morabito
  • LOTTO SOUDAL – Wellens, Hansen
  • MITCHELTON – SCOTT – Chaves, Simon Yates
  • MOVISTAR TEAM – Betancur, Carapaz
  • QUICK – STEP FLOORS – Stybar, Viviani
  • TEAM DIMENSION DATA – Meintjes, O’Connor
  • TEAM EF EDUCATION FIRST – DRAPAC P/B CANNONDALE – Woods, Modolo
  • TEAM KATUSHA ALPECIN – Tony Martin, Dowsett
  • TEAM LOTTO NL – JUMBO – George Bennett, Battaglin
  • TEAM SKY – Froome, Poels
  • TEAM SUNWEB – Dumoulin, Oomen
  • TREK – SEGAFREDO – Brambilla, Pantano
  • UAE TEAM EMIRATES – Aru, Ulissi

UCI PROFESSIONAL CONTINENTAL TEAMS – 4 wild card

  • ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC – Gavazzi, Frapporti
  • BARDIANI CSF – Ciccone, Guardini
  • ISRAEL CYCLING ACADEMY – Hermans, Neilands
  • WILIER TRIESTINA – SELLE ITALIA – Mareczko, Zardini

LA VOCE DEI PROTAGONISTI PIÙ ATTESI

Tom Dumoulin (Team Sunweb): “Non sarebbe la fine del mondo se andassi male nella crono di apertura, ma sarebbe bello ottenere un buon risultato è magari vincerla. Non ho ancora visto il percorso, sulla carta sembra vallonato dunque adatto a me. La mia prima impressione di Israele è stata buona. Sono arrivato ieri sera e non ho resistito al desiderio di visitare Gerusalemme, ho preso una bici e sono andato a fare un giro nelle città vecchia. La gente mi guardava in maniera un po’ strana perché avevo vestiti normali e una bici da corsa… Un anno dopo la mia vittoria al Giro, la differenza è il modo in cui la gente mi guarda ma io non sono cambiato. Forse all’inizio di stagione volevo far vedere a tutti quanto ero forte, volevo vincere ma le cose non sono andate bene. Ho riflettuto sulla mia situazione e ormai sono molto più fiducioso in me stesso rispetto a qualche mese fa. Ho anche imparato dall’esperienza dell’anno scorso come superare le difficoltà. Non ho provato le tappe di montagna di questo Giro”.

Chris Froome (Team Sky): “Partecipare al Giro d’Italia è stata una decisione presa con la squadra durante l’inverno. Sono passati quasi dieci anni dal mio esordio nella corsa del paese che mi ha accolto da neo professionista con la Barloworld e per la prima volta torno per vincere quest’evento. È una motivazione enorme provare a vincere tre grandi giri di fila. Dalle sensazioni che ho avuto al Tour of the Alps mi sento pronto, ma non posso prevedere il risultato che ci sarà fra tre settimane. Ho una squadra estremamente completa per tutti i momenti di corsa. Non mi baserò solo sulle crono per puntare alla Maglia Rosa. È una corsa che prevede tutti i tipi di terreno. Sono felice di essere andato a guardare certe tappe come lo Zoncolan e la crono (in Trentino). Conoscevo già il Colle delle Finestre. Ci sarà corsa dura. Eravamo preoccupati per la sicurezza prima di venire in Israele ma qui è tutto fantastico. Stamattina siamo andati in bici con i ragazzi della squadra juniores israeliana. Spero che la partenza del Giro sia di ispirazione per i giovani ciclisti locali e che qualcuno di loro diventi un campione del futuro”.

Fabio Aru (UAE Team Emirates): “Siamo arrivati in Israele ieri e abbiamo potuto notare che la temperatura è abbastanza alta. Dovremmo fare attenzione all’idratazione. Sulle strade della seconda e della terza tappa il vento sarà un elemento da non sottovalutare. La crono di apertura presenta dei saliscendi: non sarà facile. Avevo un grande desiderio di tornare al Giro. È un punto cruciale della mia carriera: il momento giusto per vincerlo. Non mi sono mai sentito giovane come ciclista perché quasi sin dall’inizio della mia carriera, nel 2014, ho corso con molta responsabilità sulle spalle, anche se l’ho fatto senza stress. Nella mia squadra sento l’armonia e la serenità per far bene. Ci sono più o meno quindici corridori per la generale. Oltre ai vari Pinot, Pozzovivo e Lopez, che erano in gran forma al Tour of the Alps con Froome in una condizione simile alla mia, Chaves, Yates, Bennett e Woods sono tra gli scalatori da tenere d’occhio. Non penso che saranno lo Zoncolan o lo Jafferau a decidere la corsa, saranno tutte e 21 le tappe”.

Thibaut Pinot (Groupama-FDJ): “Questa è la mia prima visita in Israele e sono piacevolmente sorpreso da quanto è bello. Fa caldo e questo non è l’ideale per le mie caratteristiche. L’anno scorso sono arrivato a 1’20’’ da Tom Dumoulin: un distacco che avevo accumulato a cronometro ed a causa di una lieve malattia la seconda settimana. Quest’anno spero di non perdere tempo inutilmente e poter puntare al podio. È bello avere vinto il Tour of the Alps battendo Froome, Lopez ed altri ma la forma di ciascun corridore può cambiare molto nei quindici giorni che precedono un grande giro. Non mi lascio entusiasmare da questo risultato anche se ora forse i miei rivali mi prenderanno più sul serio. L’importante per me è di essere in gran forma per attaccare sulle montagne”.

Esteban Chaves (Mitchelton-Scott): “Sono davvero felice di tornare in Italia, ho vissuto a lungo nel vostro Paese, qui ho vissuto i momenti più belli e più difficili della mia carriera. Mi sono allenato bene in Colombia nelle ultime settimane, quindi spero di trovare una forma simile a quella del 2016”. Il colombiano non viene da un periodo facile ma sarà la punta di diamante della formazione di matrice australiana: alla corsa rosa è già stato in grado di salire sul podio nel 2016, secondo alle spalle di Vincenzo Nibali. 

Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team): Il 24enne colombiano affronterà per la prima volta in carriera il Giro d’Italia, ma dopo  la Vuelta dell’anno scorso in cui vinse due tappe finendo ottavo in classifica generale e soprattutto dopo le ultime incoraggianti prestazioni, specie al Tour of the Alps, sembra pronto per il grande salto di qualità. C’è molta curiosità sul suo conto e capire fino a dove potrà arrivare, considerata anche la sua giovane età. Dalla sua parte ha un arma da non sottovalutare: la squadra, l’Astana, che finora ha dimostrato di essere la formazione più forte e completa del panorama internazionale, soprattutto in salita. 

Elia Viviani (Quick-Step Floors): “È un’esperienza molto positiva quella di cominciare il Giro in Israele. Una delle bellezze del ciclismo è di portarci in posti del mondo molto diversi. Sono felicissimo di essere qui a Gerusalemme, una città bellissima e ricca di tanta storia. Devo ancora scoprire il percorso della crono inaugurale prima di decidere se la correrò a tutta con l’obiettivo di prendere la Maglia Rosa nei giorni successivi o mantenere le forze per le due tappe seguenti, che voglio vincere. Ormai sono abituato a correre nel deserto e sono fiducioso di continuare con lo stesso passo. Sono qua con l’intenzione di portare il Giro al termine dopo averlo abbandonato dopo soli otto giorni l’ultima volta. Non voglio che succeda ancora. Uno scenario favoloso ci aspetta a Roma per l’ultima tappa. È una motivazione in più per superare le tappe di montagna. Ogni volta che prendo il via al Giro, voglio la maglia ciclamino, anche se il mio primo obiettivo è di vincere una o più tappe. Firmerei per raggiungere Roma con tre vittorie e la maglia ciclamino”.

LE MAGLIE DEL GIRO 101:

  • MAGLIA ROSA – sponsorizzata da ENEL – leader della Classifica Generale
  • MAGLIA CICLAMINO – sponsorizzata da SEGAFREDO – leader della Classifica a Punti
  • MAGLIA AZZURRA – sponsorizzata da BANCA MEDIOLANUM – leader del Gran Premio della Montagna
  • MAGLIA BIANCA – sponsorizzata da EUROSPIN – leader della Classifica dei Giovani

IL GIRO D’ITALIA IN TV: 198 NAZIONI COLLEGATE, È RECORD!

La 101esima edizione del Giro d’Italia, la prima in assoluto a partire fuori dei confini europei, verrà distribuita in 198 territori, record a cui contribuiscono 18 diversi network televisivi.
Il segnale internazionale prevede la copertura integrale in diretta delle prime tre tappe in svolgimento in Israele, mentre per le frazioni in programma in territorio italiano verranno prodotte quattro ore e mezza di diretta al giorno. A chiudere il quadro, tre highlight settimanali da 52’ con un riassunto delle migliori immagini della Corsa Rosa.

IN ITALIA
Rai – Radio Televisione Italiana è ancora una volta host broadcaster dell’evento.

Per quanto riguarda le tappe italiane, il racconto della giornata in rosa inizia con “Villaggio di Partenza” alle 11:50 su Rai Sport +HD, programma di 60’ che comprenderà le operazioni di firma dei corridori, le interviste del pre-gara e la stessa partenza della corsa, per cedere il testimone alle 12:50 a “Prima Diretta”, con il racconto delle prime immagini live della tappa.

Confermata la programmazione della rete generalista su Rai 2, che inaugurerà la propria giornata di ciclismo con “La Grande Corsa” a partire dalle 14:30, per poi tornare alle sole immagini dalla gara con “Giro in Diretta”, dalle 15:00. Le fasi culminanti di ciascuna tappa saranno in onda all’interno di “Giro all’arrivo”, dalle 16:15 fino all’orario del traguardo previsto per le 17:15. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del “Processo alla Tappa”.

Completano il quadro tecnico-sportivo su Rai Sport +HD il “TGiro”, con il racconto della giornata appena conclusa a partire dalle 20:00, e “Giro Notte”, riassunto di 60’ della tappa del giorno in palinsesto alle 23:00.

Garantiti anche i consueti approfondimenti storici e culturali del “Viaggio nell’Italia del Giro”, su Rai 2 alle 14:00.

NEL MONDO
In Italia l’evento potrà essere seguito anche su Eurosport, che grazie al commento in 21 diverse lingue, trasmetterà la Corsa Rosa in diretta in Europa e nella regione Asia-Pacifico, senza dimenticare gli highlight da 60’ in programma in prima serata.

In Francia, invece, le 21 tappe del Giro verranno proposte in onda in diretta e in esclusiva da La Chaine L’Equipe, che diffonderà il segnale anche in tutti i DOM-TOM francesi.

A beneficio degli appassionati europei, da non dimenticare la copertura live dell’evento da parte di Radiotelevisione Svizzera Italiana – La2 e di EITB nei Paesi Baschi, mentre NOS proporrà brevi highlight in Olanda.

Nel territorio della Grande Partenza, i tifosi israeliani che non riusciranno a recarsi in strada ad assistere allo spettacolo del Giro d’Italia potranno comunque godere delle immagini della corsa in diretta sugli schermi di Sport 5, anche dopo il ritorno dei corridori nello Stivale per le rimanenti 18 tappe.

Doppia opzione per il pubblico canadese e statunitense della Corsa Rosa, che andrà in onda in diretta sulle piattaforme OTT di Fubo.TV e Flobikes.com. Il network ESPN trasmetterà invece tutte le tappe sia nell’intero Sudamerica, con telecronaca in spagnolo ad eccezione del lusofono Brasile, sia nei Caraibi. In Colombia, poi, ampia scelta per i tifosi di Chaves e Lopez che potranno seguire la gara sia su Señal Colombia sia su RCN. A chiudere il panorama del Nuovo Continente, il Messico con trasmissioni live a cura di TDN.

In Nord Africa e Medio Oriente il primo Grande Giro della stagione verrà trasmesso in diretta da OSN, mentre nell’Africa Subsahariana è confermata la copertura live da parte di Kwese Sports. Fa eccezione il Sudafrica, dove Supersport rimarrà il canale su cui dovranno sintonizzarsi tutti gli appassionati locali di ciclismo.

Lo spettacolo della Corsa più dura del mondo nel Paese più bello del mondo potrà essere apprezzato anche dal pubblico giapponese sulla OTT di DAZN e da quello neozelandese su Sky Sport.

Immagini della gara verranno distribuite a livello globale dalle agenzie SNTV e Thomson Reuters, mentre il canale Sport 24 porterà le gesta della Maglia Rosa nei cieli e sui mari di tutto il mondo.

ALBO D’ORO:

2017

Netherlands
DUMOULIN Tom Team Sunweb
2016

Italia
NIBALI Vincenzo Astana
2015

Spain
CONTADOR Alberto Tinkoff- Saxo
2014

Colombia
QUINTANA Nairo Movistar Team
2013

Italia
NIBALI Vincenzo Astana
2012

Canada
HESJEDAL Ryder Garmin-Barracuda
2011

Italia
SCARPONI Michele Lampre-Isd
2010

Italia
BASSO Ivan Liquigas-Doimo
2009

Russian Federation
MENCHOV Denis Rabobank
2008

Spain
CONTADOR Alberto Astana
2007

Italia
DI LUCA Danilo Liquigas
2006

Italia
BASSO Ivan Csc
2005

Italia
SAVOLDELLI Paolo Discovery Channel
2004

Italia
CUNEGO Damiano Saeco
2003

Italia
SIMONI Gilberto Saeco
2002

Italia
SAVOLDELLI Paolo Index-Alexia
2001

Italia
SIMONI Gilberto Lampre-Daikin
2000

Italia
GARZELLI Stefano Mercatone Uno Albacom
1999

Italia
GOTTI Ivan Team Polti
1998

Italia
PANTANI Marco Mercatone Uno-Bianchi
1997

Italia
GOTTI Ivan Saeco
1996

Russian Federation
TONKOV Pavel Panaria-Vinavil
1995

Switzerland
ROMINGER Tony Mapei-Gb
1994

Russian Federation
BERZIN Eugeni Gewiss-Ballan
1993

Spain
INDURAIN Miguel Banesto
1992

Spain
INDURAIN Miguel Banesto
1991

Italia
CHIOCCIOLI Franco Del Tongo M.G.
1990

Italia
BUGNO Gianni Chateau d’Ax
1989

France
FIGNON Laurent System U
1988

United States of America
HAMPSTEN Andrew Seven Eleven Hoonved
1987

Ireland
ROCHE Stephen Carrera
1986

Italia
VISENTINI Roberto Carrera
1985

France
HINAULT Bernard La Vie Claire-Look
1984

Italia
MOSER Francesco Gis Tuc-Lu
1983

Italia
SARONNI Giuseppe Del Tongo-Colnago
1982

France
HINAULT Bernard Renault-Elf-Gitane
1981

Italia
BATTAGLIN Giovanni Inoxpran
1980

France
HINAULT Bernard Renault-Gitane
1979

Italia
SARONNI Giuseppe Scic-Bottecchia
1978

Belgium
DE MUYNCK Johan Bianchi-Faema
1977

Belgium
POLLENTIER Michel Fiandria
1976

Italia
GIMONDI Felice Bianchi-Campagnolo
1975

Italia
BERTOGLIO Fausto Jollyceramica
1974

Belgium
MERCKX Eddy Molteni
1973

Belgium
MERCKX Eddy Molteni
1972

Belgium
MERCKX Eddy Molteni
1971

Sweden
PETTERSON Gösta Ferretti
1970

Belgium
MERCKX Eddy Faemino
1969

Italia
GIMONDI Felice Salvarani
1968

Belgium
MERCKX Eddy Faema
1967

Italia
GIMONDI Felice Salvarani
1966

Italia
MOTTA Gianni Molteni
1965

Italia
ADORNI Vittorio Salvarani
1964

France
ANQUETIL Jacques St. Raphael
1963

Italia
BALMAMION Franco Carpano
1962

Italia
BALMAMION Franco Carpano
1961

Italia
PAMBIANCO Arnaldo Fides
1960

France
ANQUETIL Jacques Fynsec
1959

Luxembourg
GAUL Charly Emi-Guerra
1958

Italia
BALDINI Ercole Legnano
1957

Italia
NENCINI Gastone Chlorodont
1956

Luxembourg
GAUL Charly Guerra
1955

Italia
MAGNI Fiorenzo Nivea-Fuchs
1954

Switzerland
CLERICI Carlo Guerra-Svizzera
1953

Italia
COPPI Fausto Bianchi
1952

Italia
COPPI Fausto Bianchi
1951

Italia
MAGNI Fiorenzo Ganna
1950

Switzerland
KOBLET Hugo Guerra-Svizzera
1949

Italia
COPPI Fausto Bianchi
1948

Italia
MAGNI Fiorenzo Wilier Triestina
1947

Italia
COPPI Fausto Bianchi
1946

Italia
BARTALI Gino Legnano
1940

Italia
COPPI Fausto Legnano
1939

Italia
VALETTI Giovanni Frejus
1938

Italia
VALETTI Giovanni Frejus
1937

Italia
BARTALI Gino Legnano
1936

Italia
BARTALI Gino Legnano
1935

Italia
BERGAMASCHI Vasco Maino
1934

Italia
GUERRA Learco Maino
1933

Italia
BINDA Alfredo Legnano
1932

Italia
PESENTI Antonio Wolsit
1931

Italia
CAMUSSO Francesco Gloria
1930

Italia
MARCHISIO Luigi Legnano
1929

Italia
BINDA Alfredo Legnano
1928

Italia
BINDA Alfredo Wolsit
1927

Italia
BINDA Alfredo Legnano
1926

Italia
BRUNERO Giovanni Legnano
1925

Italia
BINDA Alfredo Legnano
1924

Italia
ENRICI Giuseppe
1923

Italia
GIRARDENGO Costante Maino
1922

Italia
BRUNERO Giovanni Legnano
1921

Italia
BRUNERO Giovanni Legnano
1920

Italia
BELLONI Gaetano Bianchi
1919

Italia
GIRARDENGO Costante Stucchi
1914

Italia
CALZOLARI Alfonso Stucchi
1913

Italia
ORIANI Carlo Maino
1912

Italia
a squadre: ATALA Atala
1911

Italia
GALETTI Carlo Bianchi
1910

Italia
GALETTI Carlo Atala
1909

Italia
GANNA Luigi Atala

Informazioni Generali

Tutte le info: www.giroditalia.it/it/

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)