L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

MILANO (MI) – Mettete insieme un Paese emergente come la Repubblica Ceca, che ha una gran voglia di investire nel turismo per far conoscere nel mondo le sue meravigliose località e la sua cultura, anche in Italia, attraverso l’Ente Nazionale Ceco per il Turismo, e una realtà dinamico come la FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta, che promuove un uno stile di vacanza slow, ed il risultato è una meravigliosa vacanza in bicicletta nel cuore dell’Europa che stimola “l’appetito” di appassionati e cicloturisti. 

Il progetto congiunto è stato presentato nei giorni scorsi a Milano e prende il nome di BiciViaggio “Le terre dei draghi”, a cavallo  tra la Bassa Polonia e la Moravia – la storica regione della Repubblica Ceca – regala ai partecipanti a un vero e proprio viaggio nella storia, dal Medioevo che ha lasciato tracce vistose in tantissime città toccate dall’itinerario, al Rinascimento e all’età moderna, fino alle tragiche vicende del secolo scorso. Un percorso di oltre 300 chilometri (circa 70 al giorno) attraverso la natura e gli indimenticabili paesaggi di queste regioni, lungo le ciclabili della Vistola o della Morava e tra i saliscendi delle colline della Moravia, caratteristica per il suo territorio ondulato. A spiegare i dettagli e l’itinerario è stato Giuseppe “Bepo” Merlin che sarà l’accompagnatore di questo biciviaggio. 

Dal 7 al 14 luglio, il BiciViaggio FIAB “Le terre dei draghi” prende il via da Cracovia, interessantissima città medievale (il centro storico è patrimonio UNESCO) per lungo tempo capitale della Polonia e ancora oggi principale centro culturale, artistico e universitario, sede della storica Università Jagellonica.

Si pedala poi lungo la Vistola per arrivare alla tristemente famosa Oświęcim, quella che per i tedeschi (e ormai per il mondo intero) era ed è Auschwitz: qui è prevista la visita guidata al campo di sterminio nazista.

Terza tappa del biciviaggio, che da Auschwitz si raggiunge attraversando una regione costellata di laghi, laghetti e stagni, è Cieszyn, città gemella di confine, metà in Polonia e metà in Repubblica Ceca (Český Těšín)

Da Cieszyn si prosegue per Nový Jičín, piacevole cittadina con belle piazze colorate e piene di portici, capoluogo dell’omonimo distretto, gemellata dal 1964 con Novellara, comune della provincia di Reggio Emilia.

La tappa seguente è la città morava di Olomouc, sorta nel sito di un forte romano chiamato Iuliomontium, storicamente al  centro di contese tra i vari regni del Centro Europa si presenta ai suoi visitatori  ricca di storia e di monumenti, tra cui numerose fontane barocche e la celeberrima colonna della Trinità alta 35 metri, patrimonio dell’umanità Unesco.

Brno, capoluogo della Moravia meridionale, è il punto arrivo della settimana in bicicletta. Seconda città della Repubblica Ceca dopo Praga, Brno ha un valore particolare per gli italiani, essendo la sede della fortezza dello Spielberg, dove vennero rinchiusi diversi patrioti italiani al tempo delle guerre di indipendenza, e dove Silvio Pellico scrisse il celeberrimo libro “Le mie prigioni”. La tappa a Brno include la visita guidata alla città e alla fortezza.

Ma questa è solo una piccola parte delle bellezze da vedere e da gustare durante il BiciViaggio FIAB “Le terre dei draghi”. Tra una tappa e l’altra, infatti, si attraversa tante altre località storiche e pittoresche come ad esempio  Hranice, che fu sede di un’Accademia militare, Přerov, Příbor, la città natale di Sigmund Freud, meglio conosciuta con il nome tedesco di Freiberg, e Prostějov.

E i DRAGHI? Leggende, ovviamente. Una parla di Krakus, mitico fondatore di Cracovia, che sconfisse un drago sanguinario e divoratore di vergini e fanciulli. Il secondo lo si vedrà, impagliato, a Brno ma, sorpresa! Assomiglia tutto a un coccodrillo…

Giulietta Pagliaccio, presidente di FIAB, ha sottolineato: “Il nostro intento è quello di promuovere un nuovo stile di mobilità, ovvero l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto per il quotidiano, ma anche per le vacanze”

Viaggiare in bicicletta attraverso l’Europa significa scegliere di immergersi nei territori, nei paesaggi e nelle località che si attraversano in modo privilegiato: uno stile di vacanza slow che permette di scoprire scorci e vivere sensazioni davvero uniche a contatto con luoghi e persone. Pedalare insieme alla propria famiglia o a un gruppo di amici, inoltre, rende l’esperienza ancora più coinvolgente in ogni momento del viaggio sia in sella, sia a terra.

Lubos Rosenberg, direttore Ente Nazionale Ceco per il Turismo, ha espresso tutta la propria soddisfazione per l’iniziativa: “Siamo felici di poter iniziare questa collaborazione per promuovere il nostro Paese e i nostri patrimoni”

Il loro intento è quello di far conoscere la Repubblica Ceca come destinazione ideale per il cicloturismo e a sostegno di questa convinzione ha snocciolato dati e numeri che, sinceramente, da italiani, ci fanno impallidire: “Il cicloturismo è l’attività più praticata dai cittadini cechi. Un terzo della popolazione lo pratica, addirittura più del calcio. Anche in Italia notiamo che questa tendenza è in aumento e per questo vogliamo promuoverlo anche qui. In Repubblica Ceca abbiamo 37 mila chilometri di piste ciclabili per una popolazione complessiva di circa 10 milioni di abitanti, all’incirca come la Lombardia. Strutture ben curate con segnaletica adeguata e dedicata che aspettano tanti turisti e appassionati di bicicletta. Una rete capillare che attraversa tutto il Paese e rende raggiungibile in bicicletta anche i nostri 12 siti UNESCO, con percorsi per lo più ideali anche per le famiglie”

Insomma l’obbiettivo è quello di incentivare il turismo a pedali, con proposte per tutti i gusti e le gambe. Un ulteriore pretesto per esplorare a ritmo slow città e borghi, fiumi e laghi, montagne e campagne di una terra variegata e accogliente, al centro di importanti ciclovie internazionali.

BiciViaggio FIAB “Le terre dei draghi” – Scheda tecnica

DATA: 7 al 14 luglio 2018 (Polonia e Repubblica Ceca) 

PROGRAMMA:

7 luglio, partenza ore 6.00 da Verona in pullman con carrello bici al seguito e  arrivo in serata a Cracovia 

8 luglio, nel primo pomeriggio, Cracovia – Auschwitz 

9 luglio, nel primo pomeriggio, Auschwitz – Cieszyn 

10 luglio, Cieszyn – Nový Jičín, Repubblica Ceca

11 luglio, Nový Jičín – Olomouc

12 luglio, Olomouc – Brno 

13 luglio, giornata stop a Brno

14 luglio, rientro in Italia in pullman  

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:

La quota individuale di partecipazione è di 840 € e include: viaggio in pullman GT con carrello porta bici a/r dall’Italia,  pullman al seguito per l’intera durata del viaggio, 7 pernottamenti in hotel 3/4 stelle con sistemazione in camera doppia, trattamento di mezza pensione, parcheggio delle biciclette negli hotel, visita guidate a Brno e ingresso Auschwitz, polizza medico bagaglio e annullamento, accompagnatori FIAB (Giuseppe Merlin e Stefano Cieno).

Organizzazione tecnica: Agenzia Viaggi Top Travel Team di Verona.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI:

sito:      www.andiamoinbici.it/show/le-terre-dei-draghi  –  www.biciviaggi.it

e-mail:    terredeidraghi2018@biciviaggi.it

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)