L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu l'ospedale di Bergamo nella lotta contro il coronavirus con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT52Z0569611100000012000X95 (Link per dettagli)

Grande Lisa Morzenti, ci hai fatto sorridere, ci hai fatto sognare un po’. Medaglia d’argento ai mondiali di ciclismo a cronometro per juniores, femminile. Un risultato di grande prestigio e commuove un po’ pensare alle chiacchierate con tuo padre, anche lui dipendente dell’Eco di Bergamo, anche lui ciclista appassionato. Tuo padre che parlava della sua Lisa e del suo Diego, tutti e due in sella a una bicicletta, tutti e due ottimi atleti. La passione, l’amore di un papà. E poi vedere Lisa lì, sul podio. Che bella cosa.
I mondiali di ciclismo in Qatar a me sembrano una cosa da film fantasy. Cioè una cosa adatta al regno della fantasia. I ciclisti che pedalano in mezzo alla polvere e alle rocce del deserto, con temperature che salgono sopra i quaranta gradi. E per fortuna che siamo a metà ottobre. Che cosa può succedere a luglio? Mondiali in Qatar, in un paese arabo, in un mondo islamico che fatichiamo a capire, che ci sembra tanto lontano. Senza arrivare alle follie estremiste, il mondo arabo ci appare comunque qualcosa di estraneo, come basato su presupposti sociali diverso dai nostri. Forse non è così vero. Anche questa passione comune per il ciclismo rappresenta un ponte, un ennesimo ponte fra due culture diverse, ma che possono aiutarsi a capire meglio il mondo, e la vita. Senza in alcun modo combattersi.
Che cosa faranno gli italiani in Qatar? Per adesso bevono acqua e sali come spugne, fanno fuori decine di borracce al giorno per via del caldo opprimente. Durante la gara i rifornimenti saranno essenziali, ma non facili da distribuire in tali quantità. Ricordo l’amico Cecilio Testa quando andò ad affrontare in bici il deserto della California: per non finire disidratati lui e i suoi amici portarono uno zainetto colmo di acqua sulle spalle con una cannetta pronta da inserire nella bocca: le borracce non bastavano.
45-morzenti-argento-mondiale
Dal grande ciclismo al piccolo ciclismo. Domenica ho affrontato la seconda gara della stagione, dopo la prima, a chilometri zero, la scalata da Predore a Parzanica, conclusa con un glorioso penultimo posto, ora è stata la volta di una competizione a cronometro, sempre in quella zona: la Predore-Tavernola-Predore, per un totale di 11,3 chilometri che ho percorso sotto il cielo grigio, davanti al lago, in 18 minuti e 55 secondi, più o meno come avevo previsto. Alla fine il piazzamento è stato sul cinquantesimo posto con una novantina di partecipanti. Posso ben essere contento! L’importante era partecipare…

L'emergenza non è finita. Aiuta anche tu il comune di Nembro (uno dei paesi più colpiti dal coronavirus) con una donazione.
Un piccolo gesto che fa una grande differenza IBAN IT31D0569653070000020001X01 (Link per dettagli)