SOVIZZO (VI) – Continua l’anno d’oro di Nicola Bagioli che, dopo essersi imposto a San Ginese e Montecassiano, ha calato il tris nella prestigiosa Piccola Sanremo di Sovizzo, classica vicentina giunta quest’anno alla 50° edizione. Il portacolori della Zalf ha beffato al termine di uno sprint ristretto Edward Ravasi e Mark Padun, i due alfieri del Team Colpack con cui si era avvantaggiato sull’ultima ascesa di Vigo.

Una sorta di rivincita per il dilettante valtellinese, che lo scorso anno vide sfumare la vittoria negli ultimi 50 metri, quando Consonni lo scavalcò a doppia velocità. Ma, soprattutto, la conferma che il 21enne diretto da Gianni Faresin è pronto a una stagione da protagonista e all’eventuale salto tra i professionisti.

Il podio della Piccola Sanremo 2016

Il podio della Piccola Sanremo 2016

Per questa 50° edizione della corsa veneta al via si sono schierati 170 atleti, in rappresentanza di 24 formazioni. Attesi soprattutto i ragazzi di patron Beppe Colleoni che, dopo i successi con Filosi nel 2014 e Consonni nel 2015, vanno a caccia dello storico tris con Ravasi, reduce dal Giro del Trentino.

Come da pronostico, le sei tornate pianeggianti da Sovizzo e Creazzo favoriscono gli attaccanti. Già dopo 12 km dal gruppo evadono in otto: Kevin Molinari (Named Sport), Andrea Muraro (GaiaPlast), Matteo Grassi (Team Palazzago Amarù), Marco Padovan (Team Idea 2010), Gianmarco Piccioli (Futura Team), Luca Raggio (Viris Maserati), Pawel Wegierski (Selle Italia – Cieffe) e Alessandro Pessot (Cycling Team Friuli).

La fuga in azione

La fuga in azione

Nonostante la generosità di Wegierski (vincitore dei traguardi volanti) e di Padovan (eletto corridore più combattivo) e di Raggio, la sortita si esaurisce al 122° km: al termine del sesto passaggio sulla salita di Vigo, sui battistrada si riporta la prima parte del gruppo condotto dalle maglie Colpack e Zalf.

E sono proprio i due squadroni ad animare anche gli ultimi due gpm, dove sugli scudi sale Ravasi: l’unico a resistere allo scalatore varesino è Nicola Bagioli, che scollina pochi metri alle spalle del rivale. Le cose sembrano mettersi bene per il Team Colpack quando Mark Padun torna sui due battistrada, mettendo in inferiorità numerica Bagioli. Il valtellinese, però, si dimostra freschissimo di gamba e di testa, non cadendo nel gioco di squadra degli uomini di Bevilacqua e mettendoli entrambi in fila allo sprint.

Nicola Bagioli batte Edward Ravasi sul traguardo della 50/a Piccola Sanremo

Nicola Bagioli batte Edward Ravasi sul traguardo della 50/a Piccola Sanremo

A 23” dai battistrada ecco il primo gruppetto inseguitore, regolato allo sprint da Francesco Romano (Palazzago), davanti al campione italiano Gianluca Milani, Andrea Marchi, Alessandro Fedeli e Leonardo Basso. Completano l’ordine d’arrivo Raffaello Bonusi e Antonio Zullo.

ORDINE D’ARRIVO:

1. Nicola Bagioli (Zalf Euromobil Désirée Fior) km 147 in 3h49’15” media 41,169 km/h
2. Edward Ravasi (Colpack)
3. Mark Padun (Colpack) a 4”
4. Francesco Romano (Palazzago) a 23”
5. Gianluca Milani (Zalf Euromobil Désirée Fior)
6. Andrea Marchi (Palazzago)
7. Alessandro Fedeli (General Store bottoli Zardini)
8. Leonardo Basso (Selle Italia Cieffe Ursus)
9. Raffaello Bonusi (General Store bottoli Zardini)
10. Antonio Zullo (Futura Team Rosini)

(Servizio a cura di Roberto Amaglio)